Crostata con ricotta e marmellata di visciole

17 giugno 2016
Buon venerdi a tutti, oggi preparo la crostata con ricotta e marmellata di visciole.  La  ricetta mi è stata data qualche tempo fa da una amica di mia nonna, romana di Roma. E' rimasta per diverso tempo tra  le pagine di un libro di ricette, e non so neanche io  perchè non mi decidevo mai a prepararla. Tra l'altro è un crostata buonissima,  forse uno tra i più buoni e conosciuti dolci romani. Anche se questa crostata non ha origini romane ma ebraiche. Le pasticcerie e i forni della capitale che la preparano tengono gelosamente segreta la ricetta. Questa che preparerò è quindi quella suggerita dall'amica di nonna e non so se segue alla lettera la tradizione di questo dolce; so soltanto che l'ideale sarebbe usare le visciole anzichè la marmellata, ma purtroppo non è facile reperirle, poi la ricotta usata per la farcia deve essere di pecora. Tra gli ingredienti, c'è l'uso del liquore sambuca, io purtroppo non l'avevo e l'ho sostituito con del liquore homemade alle ciliegie.  Comunque alla fine vi posso assicurare che è venuta fuori una crostata deliziosa: morbidissima, profumata al limone e la ricotta di pecora legava benissimo con la marmellata di visciole, peccato non averla preparata prima.
Ingredienti per un tortiera di circa 26 cm di diametro:
Per la frolla:
- 400 g di farina
- 200 g di zucchero
- 200 g di burro
- 4 tuorli
- Buccia  grattugiata di un limone
- Sale
Per il ripieno:
- 400 g di ricotta romana di pecora
- 120 g di zucchero
- 2 uova
- 2 cucchiai di sambuca ( per me liquore homemade alle ciliegie )
- 1 barattolo di marmellata di visciole da circa 350 g ( se riuscite a reperire le visciole sarebbe l'ideale)
- Cannella
- Buccia grattugiata di un limone
Procedimento:
Su un piano da lavoro, mettere la farina con lo zucchero a fontana con al centro il burro freddo a pezzetti, impastare con le punte della dita fino ad arrivare ad un composto sabbioso. Aggiungere i tuorli e impastare velocemente. Formare una palla, avvolgerla con della pellicola per alimenti e lasciarla riposare in frigorifero per almeno 4-5 ore. Io l'ho preparata la sera per la mattina dopo ( se potete fatelo anche voi, più ore sta in frigo più risulta facile poi stenderla ).
Tiratela fuori dal frigorifero 10 minuti prima di lavorarla.Nel frattempo fate scolare la ricotta, lavoratela con lo zucchero, fino ad arrivare ad un composto cremoso, aggiungere il liquore ( se non vi piace potete anche ometterlo ), un pizzico di cannella, la buccia del limone grattugiata e per ultimo le uova mescolando bene.  Stendete con un mattarello tra due fogli di carta forno i 2/3 dell'impasto ad uno spessore di 3-4 mm. Rivestite il bordo e il fondo di una tortiera precedentemente imburrata e infarinata. Sul fondo mettere i 350 g di marmellata di visciole, spalmandola bene e poi la crema di ricotta.Stendete l'impasto rimasto  ad uno spessore di 3 mm, ricavate con una rotella dentellata delle strisce e guarnite la superficie della crostata con il classico motivo a grate. Cuocete in forno caldo a 170° per circa 1 ora ( controllate sempre la cottura, perchè ogni forno cuoce in modo diverso ). Quando si è ben raffreddata trasferitela su un vassoio, tagliatela e gustatela con un buon caffè, un tè, a merenda o anche al mattino con una bella tazza di latte come hanno fatto i miei figli. Sicuramente può benissimo essere un fine pasto gradevole. Un arrivederci a presto sempre qui. Baci Fabiola.







Con questa ricetta partecipo al contest " Di cucina in cucina " ideato dal blog di Barbara " Un giorno senza fretta " e ospitato per i mesi di maggio e giugno 2016 dal blog di Laura " Alchimia !



24 commenti:

  1. Mi piace tantissimo la crostata con la ricotta!
    Ti è venuta bene.
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
  2. saranno anni che voglio farla ma fatico a trovare le visciole, me la immagino squisita, a roma mai mangiata, bella e buona, buon week end!

    RispondiElimina
  3. saranno anni che voglio farla ma fatico a trovare le visciole, me la immagino squisita, a roma mai mangiata, bella e buona, buon week end!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io l'ho fatta con la marmellata di visciole

      Elimina
  4. Questa è una delle mie crostate preferite tesoro e questa tua è paradisiaca e che voglia incredibileeeee!!Baci,Imma

    RispondiElimina
  5. Me la preparava anche la mia nonna, che era pure lei romana di Roma. Una vera delizia, come questa tua così bella e profumata che sento l'odore anche da qui!!! Un bacione

    RispondiElimina
  6. Ehhh e sapessi quanto è buona l'originale del ghetto di Roma!! Anche io ho cercato di riproporla.. ma uguale a quella (ricetta segretissima) non verrà mai!! Son sicura che la tua sarà stata buonissima oltre che bella da vedere!!!! baci e bun w.e. :-*

    RispondiElimina
  7. Complimenti....questa crostata deve essere davvero una bontà! Io adoro questo genere di dolci e una fettina la gradirei! Auguri per il contest, buona giornata!

    RispondiElimina
  8. ..anch'io ho la frolla a riposare in frigo x una bella crostata :-P Mi piace tantissimo la tua proposta e non sai come ne vorrei avere una bella fetta x la mia merenda :-P
    Grazie ancora di tutto il tuo sostegno e felice we <3

    RispondiElimina
  9. Magnifica deve essere buonissima!!! O_O buon we

    RispondiElimina
  10. Adoro la crostata con la ricotta e la tua è golosissima, complimenti! Buon fine settimana, baci!

    RispondiElimina
  11. Che bellezza, hai usato ricotta di pecora e marmellata di visciole, meravigliosa!
    Un caro saluto da Gabry

    RispondiElimina
  12. Evviva la crostata Fabiola scusa cosa sono le visciole?
    Aspetto fantastico
    Un grande ciao

    RispondiElimina
  13. Non conosco le visciole....ma la tua crostata ha un così bell'aspetto!!!
    A presto!!!

    RispondiElimina
  14. Ma sai che anch'io questa crostata vorrei farla da più di un anno...
    Chissà che buona!
    Grazie mille di aver partecipato.

    RispondiElimina
  15. Che buona, e super bellissima!!!! Un abbraccio

    RispondiElimina

trova ricetta